Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.

Sbarra

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

La sbarra obliqua (o barretta o barra di frazione) è utilizzata per indicare rapporti o grandezze frazionarie, 3/4, 2/3 e così via. Come semplice separatore si usa nelle sequenze di cifre,

Legge 24/81

e nelle date dove sarà opportuno sostituirla con il punto:

3/7/1987, ma meglio 3.7.1987

Si usa anche per indicare alternanza o disgiunzione il/gli. Con carattere abbreviativo è rimasta nella dicitura italiana presso c/o in uso nella corrispondenza derivata dalla locuzione inglese care of, a cura di.

La sbarretta obliqua è largamente impiegata nel linguaggio informatico dove ha il compito di dividere le directory, con il significato di 'contenuto in'. La doppia sbarra // segue sempre la dichiarazione del protocollo usato in comunicazione, http:// oppure ftp://. Per esempio, la dicitura

http://www.sigmastudio.it/stile/punteggiatura/sbarra.html

rappresenta l'indirizzo di questa pagina, dove la doppia sbarra ha funzione dichiarativa del protocollo mentre la sbarra singola introduce ogni volta in una cartella o directory diversa.

Ultimamente trova impiego anche nella sostituzione di 'su' o 'per' nelle locuzioni 24 ore su 24 oppure 24 ore per ogni giorno della settimana, che si scrivono rispettivamente, principalmente nei messaggi pubblicitari, 24/24 oppure 24/7.

È usata, in alternativa alla sbarra verticale (|), per separare gli a capo di versi riproposti in forma estesa. A volte con lo stesso criterio è impiegata per segnalare, ove ciò sia ritenuto di particolare importanza, il cambio pagina originale di un'edizione ripubblicata in formato e caratteri diversi.

In linguistica si utilizza nelle trascrizioni fonematiche, con attenzione quindi alla sequenza dei fonemi che compongono la parola che non coincide necessariamente con la sua trascrizione fonetica.

Letto 3762 volte Ultima modifica il Domenica, 17 Giugno 2012 09:38
Altro in questa categoria: « Apostrofo Asterisco »
Devi effettuare il login per inviare commenti