Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.

Elementi del dorso

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

Il dorso del libro è sempre stampato (vedi stampa del dorso). Gli elementi che compaiono nel dorso di un libro sono gli stessi contenuti in copertina o nel frontespizio, eventualmente abbreviati e riequilibrati purché sufficienti all'identificazione del volume:

[autore] [curatore]
titolo del libro [sottotitolo] 
[nome della collana] [numero di collana] 
[editore].

A seconda delle edizioni e delle case editrici, le voci in parentesi quadra possono eventualmente mancare.

Il dorso del libro accoglie il titolo, eventualmente abbreviato per necessità, come si legge nel frontespizio senza che sia apportato alcun tipo di cambiamento nell'ordine delle parole. Sono riportati nel dorso anche gli altri elementi del frontespizio, intendendo in questo caso però privilegiare colpo d'occhio, pulizia compositiva e facilità di lettura, in modo da facilitare la lettura del dorso del libro posto nello scaffale o poggiato orizzontalmente in una pila.

L'autore quando esiste raramente è omesso. In particolare, se lo spazio è sufficiente, per un libro a più mani si riportino i nomi degli autori, anche se numerosi. Per contro il curatore anche in assenza di un autore, come accade nei volumi collettanei, quasi sempre è sottaciuto. Quando è riportato, nei libri che non hanno autori, spesso si fa a meno della dicitura "a cura di", equiparando graficamente in tal modo il curatore all'autore. Anche  il sottotitolo, benché presente in copertina, non trova di solito posto nel dorso. Non manca quasi mai invece nei libri in cui è esplicativo del contenuto, in collane o volumi multipli il cui il titolo comune rimanga troppo generico per fare la differenza fra i volumi. Per esempio, Giulio Ferroni, Storia della Letteratura Italiana.

Per i volumi appartenenti a una collana, come titolo nel dorso deve essere riportato il titolo che quel volume ha nella collana. Il nome della collana e il numero del volume in collana può essere aggiunto nelle diciture del dorso, se lo spazio è sufficiente: così Laterza, Einaudi, Mondadori, Il Mulino. Per l'editore si trova tanto il logotipo quanto la marca, o entrambi.

Nelle opere costituite da più volumi raccolti sotto un unico titolo (enciclopedie, vocabolari, ecc.), la designazione del singolo volume che fa parte di una pubblicazione multivolume (vol. 1, A-D, ecc.) deve essere aggiunta al titolo dell'opera nel dorso. 

Letto 6601 volte Ultima modifica il Venerdì, 28 Settembre 2012 01:47
Devi effettuare il login per inviare commenti